Le infezioni vaginali

Le infezioni vaginali sono un disturbo molto frequente nelle donne, possono essere di natura batterica, virale o fungina. Le più comuni sono le vaginosi batteriche, le vaginiti anaerobie, la candidiasi e la tricomoniasi. I principali sintomi sono dolore durante i rapporti sessuali e/o la minzione, prurito e/o infiammazione nella zona genitale; perdite anomale e spesso maleodoranti.

L’apparato genito-urinario femminile, così come quello maschile, è soggetto a disturbi che possono anche arrivare a compromettere il normale svolgimento delle attività quotidiane. Questi problemi non vanno mai sottovalutati. È importante imparare a riconoscerne i sintomi e parlarne il prima possibile con il proprio ginecologo per non peggiorare la propria qualità di vita.

Vaginosi Batterica

L’ambiente vaginale è popolato da una serie di microrganismi (principalmente lattobacilli) che in condizioni di normalità difendono l’ambiente vaginale. I lattobacilli producono batteriocine, “antibiotici” naturali che ci difendono dai patogeni. Tuttavia in alcune condizioni batteri opportunisti prendono il sopravvento e sostituiscono la normale flora lattobacillare. Il termine “vaginosi” infatti indica una modificazione dell’ecosistema vaginale.

La vaginosi batterica si manifesta spesso con la presenza di perdite vaginale omogenee, grigio-verdastre, abbastanza fluide, accompagnate da un cattivo odore. Le perdite possono associarsi a prurito, bruciore, dolore. Se si notano questi segni e sintomi, bisogna immediatamente rivolgersi al proprio ginecologo di fiducia.

Terapie

Le vaginosi batteriche si possono trattare con terapia antibiotica oppure con composti antisettici e antimicrobici con l’indicazione per le vaginosi batteriche.

Una flora vaginale sana come difesa naturale
per le basse vie uro-genitali

Dopo un trattamento antibiotico, la normale flora batterica può risultare modificata e quindi le difese naturali (le batteriocine prodotte dai lattobacilli) essere presenti in misura ridotta.

I lattobacilli hanno una funzione cruciale nel normale equilibrio della flora batterica vaginale.

I lattobacilli producono batteriocine, un battericida naturale, e mantengono basso il pH vaginale. Queste due azioni insieme proteggono dai patogeni che possono venire in contatto con l’epitelio vaginale e provocare un’infezione. La loro azione può essere aiutata da basse dosi di estrogeni applicati localmente.

Un ecosistema vaginale sano è il miglior modo per difenderci dai batteri patogeni.